Alcuni dubbi risolti

Il sistema Savio è partito da poco e sono ancora necessari degli aggiustamenti. 

 

Tra essi  segnaliamo il problema di una sede in cui  in epoca pre Savio il comparto amministrativo aveva organizzato il servizio della medicina fiscale facendo turnare i medici 10 giorni ciascuno al mese.


 

Adesso con Savio entrato a regime i medici stanno  continuando a turnare 10 gg al mese.

I 20 gg in cui non vengono messi in servizio come verranno considerati? E’ corretto un comportamento di questo genere?

 

Abbiamo interessato della questione la dirigenza centrale dell’Inps.


 

Il dirigente ringrazia per la segnalazione e comunica che la struttura in oggetto si è impegnata a organizzare il servizio di medicina fiscale sulla base della calendarizzazione delle disponibilità fornite nel corrente mese di gennaio da parte dei medici di lista in attività presso i diversi ambiti territoriali.

Inoltre ricorda che le Strutture territoriali sono tenute – sulla base del dettato normativo attualmente vigente – ad acquisire la disponibilità mensile del medico mediante comunicazione scritta (es. PEC) da conservare agli atti, a riscontro della quale con identica  modalità è necessario rendere noto al medico il calendario completo del mese, comprensivo delle giornate festive di attività a lui assegnate.


mani e steto 

Perciò  nelle sedi in cui questo non avvenisse ricordate che il medico ha diritto di conoscere per iscritto il calendario completo del mese.


 

Infine si ribadisce che l’eventuale indisponibilità all’effettuazione di visite di controllo, con riferimento a singole o più giornate, comunicata espressamente da parte del medico di lista  andrà segnata nel calendario come assenza.